Perché la nudità in TV è un tabù

All’arrivo nel mio hotel nel Regno Unito un lunedì alle 21:00, sono passato a uno spettacolo della BBC con un giornalista che beveva un bicchiere dopo un bicchiere d’acqua. Stava conducendo un esperimento in cui doveva urinare su una piastra metallica attaccata a una recinzione elettrica per vedere se la sua urina avrebbe condotto l’elettricità (duh!). Naturalmente, mi chiedevo come avrebbe fatto il produttore a portare via gli angoli di ripresa su questo.

Potete immaginare la mia sorpresa quando la telecamera ha mostrato il giornalista che tirava fuori il pene e urinava sulla piastra metallica. Rimasi immobile, incredulo, fissando il suo pene, pensando: “C’è il suo pene. C’è il suo pene che fa pipì, ed è in prima serata televisiva britannica”.

Mi sono fatto una bella risata pensando a come questo non sarebbe mai apparso sulla televisione nordamericana.

Quando sono tornato a casa in Canada, ho sentito il mantello di soppressione della nudità coprirmi. L’esposizione al seno di un secondo di Janet Jackson al Super Bowl stava ancora facendo notizia mesi dopo il fatto.

Non c’era un accenno di nudità sulla televisione di rete – molti vestiti rivelatori in cui la persona avrebbe anche potuto essere nuda, ma nessuna nudità. Se il seno femminile veniva mostrato su una stazione del cavo, veniva dato un avvertimento dopo ogni interruzione pubblicitaria. E, cosa interessante, ma non sorprendente, la nudità maschile era una rarità, anche se inesistente.

Mi chiedevo cosa sarebbe successo se il Canada avesse iniziato a mostrare la nudità frontale completa in prima serata in TV? Creerebbe una nazione piena di creature affamate di sesso? Le persone non sembravano affamate di sesso in Gran Bretagna. In effetti, direi in generale che gli europei hanno un atteggiamento molto più sano nei confronti della nudità e della sessualità.

I sostenitori della nudità nella televisione nordamericana credono che la nudità rifletta un declino degli standard non solo in TV, ma anche nella società nel suo insieme.

Credo che Rex Murphy abbia parafrasato meglio come si sentono i canadesi quando ha scritto: “Ogni impulso della cultura pop è sessuale. Ogni centimetro quadrato di spazio pubblico respira sesso. Televisione, film, musica, pubblicità, stile di vita-sesso spinge ogni atomo della cultura occidentale nel mondo moderno.”

Sono d’accordo con Rex Murphy e so anche che i nordamericani si sono sparati ai piedi con questo. Il paradosso è: più ci occupiamo di nascondere la nudità e renderla tabù, più ne diventiamo ossessionati. La nostra ossessione ci trasforma in una nazione post-vittoriana di persone che parlano sempre di sesso ma mai direttamente. Uno dei risultati dei nostri modi anti-nudità è che siamo più titillati, stimolati e potenzialmente ossessivi riguardo al tema della sessualità.

La teoria va più o meno così. Quando gli esseri umani sono esposti quotidianamente a parti del corpo come occhi, piedi, collo, non è un grosso problema. Quando queste parti del corpo sono nascoste, come il seno e l’inguine, la persona può vederle solo una volta ogni tanto e diventa una novità. La nudità in TV diventa un peep show in cui se vedi un lampo di pelle “proibita”, è eccitante e fa notizia. (ad esempio, il seno di Janet Jackson)

Ad esempio, come ti ecciti quando c’è un primo piano di un gomito? Per la maggior parte di noi, i gomiti non sono molto erotici perché vediamo i gomiti nelle nostre attività quotidiane.

Tuttavia, cosa succederebbe se i gomiti venissero censurati? La CRTC dovrebbe imporre agli spettacoli televisivi che i gomiti devono essere coperti, nascosti dalle sbarre della censura e avere avvertimenti prima di essere esposti. In risposta, gli spettacoli televisivi facevano di tutto per dare un suggestivo lampo di pelle del gomito solo per ottenere valutazioni. Diventeremmo una nazione fissata sui gomiti. Apparentemente ridicolo e, purtroppo, assolutamente vero.

Poter vedere uomini e donne di ogni forma e dimensione nudi, come nella televisione britannica, rende la sessualità meno sensazionale. Abbiamo creato un sacco di sensazionalismo sessuale non necessario intorno al seno e ai genitali perché li teniamo nascosti.

Caso in questione: sono rimasto paralizzato dal pene del giornalista invece di concentrarmi sull’esperimento in cui è stato fulminato. Sono rimasto ipnotizzato dal fattore tabù. Rendere normale la vista dei genitali nudi li rende erotici come guardare il gomito o la ginocchiera di una persona. Semplicemente non è un grosso problema.

Capisco che l’azienda Molson Beer sta attualmente conducendo una campagna pubblicitaria che mostra seni e mozziconi femminili nudi (e la nudità maschile è dove?). Mi chiedo quante controversie, se ce ne saranno, creerà questa campagna. E questa campagna avvierà una tendenza per normalizzare la nudità in televisione? Immagino che solo il tempo lo dirà.