Corsi di marketing online: 6 consigli per aiutarti a guadagnare più soldi online

Stai cercando alcuni suggerimenti efficaci di marketing online per rendere la tua attività più redditizia? Se è così, stai leggendo l’articolo giusto. In primo luogo, tieni presente che il marketing online è molto più semplice del marketing convenzionale. In questo articolo, abbiamo alcuni semplici suggerimenti per il web marketing per te. Continuare a leggere.

1. Conosci i tuoi clienti target

Conoscere i tuoi clienti o clienti target e avere un elenco di modi per indirizzarli sono le due cose più importanti. Quello che devi fare è fare ricerche approfondite per scoprire il tuo mercato di riferimento. In alternativa, puoi assumere qualcun altro per fare lo stesso per te.

Ecco cosa devi scoprire. I dati demografici, le abitudini di acquisto e le simpatie e le antipatie dei tuoi clienti. Una volta trovati questi dettagli, la prossima mossa è trovare un modo per individuarli.

2. Ottimizza il tuo sito web per la SEO

Oggi, la maggior parte degli uomini d’affari sa che il proprio sito web dovrebbe essere ottimizzato per i motori di ricerca, il che è importante per un migliore posizionamento nei motori di ricerca. Se sei nuovo nel SEO, puoi facilmente imparare le basi.

Fondamentalmente, se vuoi ottimizzare il tuo sito per i motori di ricerca, quello che devi fare è avere i tag, i titoli, le parole chiave, le meta descrizioni, i testi alternativi e i contenuti di qualità giusti. Ci sono strumenti software che possono aiutarti in questo.

3. Eseguire campagne Google AdWords (PPC)

Google AdWords è un altro modo per attirare visitatori per il tuo sito. Questa è una forma di pubblicità online che puoi pubblicare pagando Google. Google mostrerà i tuoi annunci in luoghi pertinenti su Internet. Google AdWords è un modo più veloce per ottenere un miglior posizionamento nei risultati di ricerca.

Per alcuni termini di ricerca pertinenti, l’URL del tuo sito web verrà visualizzato nella parte superiore della pagina. Quindi, è probabile che i visitatori facciano clic sul tuo link invece che su altri link sottostanti.

4. Congruenza pubblicitaria

Se pubblichi campagne pubblicitarie per il tuo sito web, la congruenza degli annunci è una cosa importante. La congruenza degli annunci è una situazione in cui la tua pubblicità aziendale e la home page del tuo sito web sono simili. In altre parole, entrambi avranno lo stesso messaggio.

Se il contenuto della tua pagina di destinazione è completamente diverso dall’annuncio, i tuoi visitatori si confonderanno e potrebbero fare clic. Quindi, assicurati di considerare questo punto.

5. Scrivere post di blog di qualità su base regolare

Con un blog, puoi migliorare drasticamente il tuo SEO. Ogni post del blog dovrebbe essere più lungo di 500 parole e dovrebbe includere parole chiave pertinenti, che è importante per innescare una risposta positiva dai principali motori di ricerca. Inoltre, contenuti di alta qualità possono aiutare anche i tuoi clienti.

6. Ottieni collegamenti a ritroso da siti di autorità

Per quanto riguarda la SEO, i backlink giocano un ruolo importante. Se non lo sai, i backlink sono i link al tuo sito su un altro sito web. Se hai molti backlink, Google pensa che i tuoi contenuti siano preziosi e aumentano il ranking del tuo sito.

Il Takeaway

Il marketing online ha dato un nuovo approccio alle imprese in modo che possano fare più soldi. Con questi suggerimenti, puoi aumentare i tassi di conversione e fare in modo che i tuoi clienti continuino a tornare per ulteriori informazioni. Spero che questi suggerimenti ti siano d’aiuto.

5 modi di dire sul cibo che ti renderanno un vero italiano

Sappiamo tutti che l’Italia è un ottimo posto dove puoi mangiare un sacco di cibo super gustoso e sano … MA … lo sapevi che in italiano ci sono così tanti idiomi su cibo e bevande?

Sono spesso usati nella vita di tutti i giorni e se saprai come usarli sorprenderai tutti i tuoi amici italiani. Utilizzarli correttamente può essere un po ‘difficile, ma con questo breve articolo voglio aiutarti a capire meglio come e quando usarli.

Va bene, iniziamo il nostro viaggio!

Il primo idioma che voglio introdurre è “Acqua in bocca“, che letteralmente significa”acqua in bocca“. Un po ‘strano, vero? Beh, quando raccontiamo un segreto a un amico e vogliamo che il nostro amico mantenga il segreto e non lo dica a nessuno, possiamo dire” Acqua in bocca “.

Questo idioma ha un’origine religiosa: sembra sia stato visto per la prima volta nel 1760 su un giornale chiamato Gazzetta Veneta. Lì, un articolo riportava che una ragazza aveva chiesto aiuto a un prete su come evitare di dire maldicenze. Il prete le disse di tenere l’acqua in bocca ogni volta che sentiva di dire qualcosa di brutto su un’altra persona. Interessante no?

“Giulia! Devo dirti una cosa … ma è un segreto !!

Va bene Laura, dimmi …

Ieri ho visto Luca a cena con una ragazza … che non era Maria … ma non dirlo a nessuno !! Acqua in bocca, mi raccomando! “

(Giulia! Devo dirti una cosa, ma è un segreto !!

Va bene, Laura, dimmi …

Ieri ho visto Luca cenare con una ragazza..quella non era Maria..ma non ditelo a nessuno! Mantieni il segreto !!)

Il secondo idioma è “Tutto fa brodo”, letteralmente “tutto fa un brodo”, che sarebbe, in un inglese corretto, “È tutto macinato per il mio mulino” Usiamo questa espressione quando siamo estremamente a corto di risorse o quando vogliamo diciamo che tutto può essere utile al nostro scopo.

Per esempio:

Ho venduto la macchina. Non ho fatto molti soldi, ma sai … tutto fa brodo!

(Ho venduto la mia macchina. Non ho guadagnato molti soldi ma … è tutto macinato per il mio mulino!)

Questa espressione viene dai tempi contadini: solitamente un buon brodo si fa con la carne, ma siccome era molto costoso, tutto il resto era buono per preparare la zuppa: dalle parti più povere della carne agli avanzi di verdure.

Il terzo idioma è “Andare a tutta birra”. In questo caso vediamo che usiamo una bevanda e non qualcosa da mangiare. Andare a tutta birra significa camminare estremamente veloce, o fare qualcosa di veramente veloce.

Questo idioma deriva molto probabilmente dal francese “à toute bride (bridle)”, ed era scritto male e tradotto con la parola “birra”.

“Sono proprio felice, Luca sta facendo la maratona a tutta birra!”

“Sono davvero contento, Luca sta correndo la maratona davvero veloce!”

Il quarto idioma riguarda ancora le bevande, ma analcolico: il latte! Non piangere sul latte versato (non piangere sul latte versato) è un’espressione che significa che non dobbiamo lamentarci di quello che abbiamo fatto. Quello che è fatto, è fatto, come si dice in italiano (Quel che è fatto è fatto), e non possiamo cambiare le conseguenze delle nostre azioni, quindi meglio non lamentarci e andare avanti!

Questa espressione viene da tempi antichi, quando il latte era una bevanda piuttosto costosa e una volta versato, sarebbe stato inutile impazzire.

“Non ho passato l’esame di matematica, adesso come farò? Dovrò studiare altri sei mesi per quest ‘esame … è terribile..e adesso come faccio ??

Marco, è inutile piangere sul latte versato: mettiti a studiare e basta. “

“Non ho superato l’esame di matematica … cosa farò adesso ?? Devo studiare altri sei mesi..è terribile, come ce la farò ??

Marco, non piangere sul latte versato: devi studiare di più e basta. “

La quinta e ultima espressione riguarda cipolle e vestiti. CHE COSA?? Eh si, in italiano queste due cose apparentemente lontane vanno insieme: Vestirsi a cipolla significa vestirsi elegantemente. Cosa significa? Ebbene, per esempio, se viviamo in un posto dove la mattina fa abbastanza freddo, poi di giorno fa abbastanza caldo e dobbiamo stare fuori tutto il giorno, allora dobbiamo assolutamente vestirci a cipolla! Meglio indossare una maglietta a maniche corte e qualcosa di più caldo sopra, poi quando fa più caldo possiamo evitare di scioglierci al sole a causa di troppi, o vestiti troppo caldi 🙂

“Le previsioni dicono che domani sarà freddo al mattino ma caldo di pomeriggio … sarà meglio vestirsi a cipolla!”

“Le previsioni dicono che domani farà freddo al mattino ma molto caldo il pomeriggio … credo sia meglio vestirsi adeguatamente per non fare troppo caldo o troppo freddo!”

In conclusione, come vedi ci sono così tante espressioni simili in lingue diverse, e credo che questo sia davvero interessante e motivante per imparare lingue diverse.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e sarei davvero felice se aggiungessi altre espressioni particolari sul cibo nella tua lingua!

Louis Quatorze (XIV) 1643-1715

Pochi mesi dopo la morte di Richelieu, Louis Xlll morì, lasciando il figlio di cinque anni Luigi XIV a regnare per settantadue anni, prima sotto il controllo di Mazzarino, e poi come monarca assoluto. Con la sua successione e sotto l’influenza ininterrotta del suo lungo regno tutte le arti fiorirono in misura straordinaria. Le Roy Soldi governava con una magnificenza e uno stato sconosciuto sin dai tempi dell’Impero Romano. Colbert, il suo abile ministro, riunì famosi artisti e artigiani e li ospitò al Louvre sotto il patrocinio reale.

All’inizio del suo regno il re aveva deciso di rendere la sua corte la più magnifica di tutta Europa e di fare della Francia il centro della cultura del mondo moderno. Per raggiungere questo scopo ha nominato Le Brun suo Ministro delle Belle Arti. Le Brun ha rilevato molti dei migliori produttori in Francia, li ha posti sotto il controllo del governo e li ha sostenuti con fondi statali.

Tra questi c’erano i telai Gobelins, Beauvais, Aubusson e Savonnerie dove venivano realizzati arazzi e rivestimenti per pavimenti comunemente posti davanti alle porte dei camini e la fabbrica di porcellana di Sevres. Ha anche fondato la Scuola Nazionale di Belle Arti (Ecole des Beaux Arts) che è ancora sotto il controllo del governo francese e che riceve alunni da tutto il mondo, offrendo lezioni gratuite di architettura, pittura, scultura e incisione.

Jules Mansart fu nominato architetto reale e incaricato di costruire il grande palazzo di Versailles, uno degli edifici più magnifici e più grandi mai costruiti. Il solo costo di questa struttura era così alto che si dice che abbia gettato i semi della rivoluzione francese.

Il palazzo non era destinato solo a fornire alloggi per l’immenso seguito del re, ma furono progettate stanze enormi per ospitare migliaia di persone nel più regale splendore. Sebbene l’edificio sia stato praticamente spogliato di tutti i suoi arredi durante la rivoluzione e abbia subito molti cambiamenti da quel momento, rimane ancora abbastanza della sua decorazione originale per renderlo il più bell’esempio esistente del periodo Luigi XIV.

La caratteristica più tipica dell’architettura interna di questo stile era l’enorme scala delle stanze stesse e l’imponenza dei dettagli architettonici e dei mobili che erano in esse, fino ai binari in legno. Gli ordini sono stati ampiamente utilizzati e le proporzioni classiche sono state rigorosamente rispettate, sebbene gli ornamenti fossero piuttosto originali.

La pannellatura era ampia e vigorosa. Le principali linee strutturali dei pannelli erano diritte e rettangolari, ma veniva usato molto ornamento. Un dado di solito correva per la stanza, i pannelli sopra di esso correvano fino a una cornice decorata. Di regola, i colori usati erano un fondo crema e modanature dorate, sebbene fossero usati anche rovere naturale e altri colori dipinti.

L’elaborata scultura in legno era molto usata. I camini erano vistosi, le aperture e la cappa del camino elaborate. Le mensole sovrastanti incorporavano dipinti incorniciati e in stanze più piccole specchi. Le porte erano rivestite di pannelli, intagliate, dipinte e dorate. I pavimenti erano in parquet o piastrelle in marmo e i soffitti spesso piatti nelle stanze più piccole.

Le Brun ha nominato capo ebanista del re, Boulle (scritto anche Boule e Buhl), che con la possibile eccezione di Chippendale ha avuto un’influenza sullo sviluppo dei mobili più di qualsiasi altro uomo. Boulle è noto per aver reso popolare l’uso di supporti in metallo (Ormolu) nell’ornamento dei mobili. È anche famoso per il suo uso del guscio di tartaruga e dell’intarsio in metallo. Tagliando due strati di guscio di tartaruga e lamiera in un elaborato motivo a seghetto alternativo, ha alternato il metallo e il guscio applicandolo come rivestimento alle ante e ai pannelli dei suoi mobili.

Boulle ha utilizzato una grande varietà di legno. L’ebano era uno dei suoi preferiti, ma venivano usati anche blocchi d’angolo in legno di quercia, noce, tulipano, rosetta, palissandro e altri legni più costosi. Molti dei suoi allievi divennero in seguito famosi ebanisti. Tra loro c’erano Levasseur, Jacob e Oeben. I mobili di questo periodo erano di regola grandi e nelle principali linee rettangolari predominavano. Le sedie erano comunemente rinforzate con pesanti barelle tra le gambe.

Successivamente i mobili divennero curvilinei sia nella struttura che nell’ornamento. Era riccamente scolpito, dipinto e dorato, con piccoli pied-de-biche, testa di delfino, piedi a volute, rotondi o quadrati. I pezzi erano numerosi, il canapè, il comò, l’armadio e lo scrittoio erano finemente sviluppati. Sono stati utilizzati superbi arazzi Aubusson, ricami, ricamo, damasco, grandi velluti figurati, pelle e fustigazione. I supporti in metallo erano opere d’arte in ottone o bronzo dorato. Tutto era formale, maestoso e sontuoso.