Recensioni d’arte: Rilascio di pittura: Tapan Dash

La reputazione di Tapan Dash come uno dei giovani pittori più significativi dell’India si basa su una produzione costante e prolifica di lavoro per oltre un decennio. La sua pratica disciplinata è caratterizzata da opere che attesta un costante scambio di idee e motivi. Nessuna singola tradizione pittorica si è evoluta isolatamente; quindi questo corpo di lavoro contemporaneo è nato da semi ibridi, incorporando diverse influenze estetiche in un genere estremamente vivace e mobile … allo stesso tempo ispirato e originale.

Allegoriche e surrealiste, le sue opere, basate sul disegno e sulla linea ritmica, rivelano l’immaginazione e lo zelo della coscienza dell’artista. C’è una libertà di espressione, una liberazione dalle tecniche delle tradizioni artistiche classiche e materiali, che si traduce in un dialogo dinamico di tratti e arti del viso che si intersecano e tangenziali.Caratteristicamente, molti dei suoi ritratti hanno volti multipli, cubismo ed espressionismo tedesco. Le figure non sono mai immobili, molto vivide che riflettono l’intensità dei loro stati d’animo, effettuate attraverso tratti esagerati e posizioni del corpo e possiedono una vita interiore vitale. Alcuni elementi contemporanei derivano da forme e motivi d’arte tradizionali che si trovano nell’arte di Tapan Dash, la forma viene utilizzata per stabilire relazioni ed è variata sia in forme positive che negative in modo da creare un’ambiguità tra figure e sfondo. Questo dà vita al dipinto.

Il ritmo, la ripetizione e la simmetria giocano un ruolo importante nel lavoro di Tapan Dash per stabilire questo impulso ottico di vita e movimento. Allo stesso modo, il suo uso giudizioso del colore crea armonie e contrasti che richiamano gli organi sensoriali interiori attivi e avanza verso un ritmico viaggio pacifico.

Recensione di belle arti: Ashok Art Gallery

Lascia un commento